Spedizione Gratis da 50€

Cerca

Tel. 0536 95 54 06

Spedizione Gratis da 50€

0536 95 54 06

Offerta Speciale!

DAILY FOOD NUTRIBILANCIATO

Il prezzo originale era: 26,00 €.Il prezzo attuale è: 18,20 €.

(5 recensioni dei clienti)

La buona abitudine quotidiana che ti aiuta a restare in salute. Vitalità, Serenità e Benessere!

Disponibilità: Disponibile

DAILY FOOD NUTRIBILANCIATO
Vitalità, Serenità e Benessere!

SPIRULINA: fonte completa di macro e micronutrienti, aiuta a colmare le carenze nutrizionali
MELOGRANO: formidabile antiossidante, contrasta lo stress ossidativo
ALOE VERA: dalle proprietà antinfiammatorie, protettive e prebiotiche, sfiamma e supporta l’intestino.

Consigli per una corretta integrazione: 2 capsule da deglutire durante la colazione + 2 capsule durante la cena.

DAILY FOOD NUTRIBILANCIATO è pensato per colmare le carenze dello stile di vita moderno, è quindi consigliata una sua regolare assunzione per lunghissimo tempo.

Confezione: 120 capsule

Siamo felici e orgogliosi di presentare DAILY FOOD NUTRIBILANCIATO, l’innovativo integratore pensato per aiutare ciascuno di noi a restare a lungo in salute! Vitalità, Serenità e Benessere!

DAILY FOOD NUTRIBILANCIATO è frutto di una ricerca approfondita, che ci ha portati a identificare quali sono al giorno d’oggi i grandi nemici della salute e i migliori ingredienti naturali per combatterli.

Daily Food Nutribilanciato
Nemico n. 1: Carenze nutrizionali

Anche in Italia, purtroppo, si sta affermando un modello alimentare di tipo “americano”, ricco di cibi pronti e ultra-processati, carni rosse, zuccheri aggiunti e grassi saturi, e povero di frutta, verdura e cereali integrali. Un’alimentazione spesso eccessiva per quel che riguarda le calorie, ma allo stesso tempo povera di micronutrienti essenziali.

Questa dieta, completamente diversa da quella a cui l’organismo umano si è adattato durante millenni di evoluzione, semplicemente non è adatta a noi. Mette in moto due meccanismi molto rischiosi che si chiamano infiammazione e stress ossidativo. Questi, a loro volta, giocano un ruolo chiave nello sviluppo delle malattie dei nostri tempi – cancro, patologie cardiovascolari, diabete, malattie neurodegenerative e autoimmuni – oltre che nel processo di invecchiamento.

Una dieta equilibrata è fondamentale per restare in salute, ma anche chi si impegna a fare scelte alimentari salutari deve fare i conti con un generalizzato calo di qualità dei prodotti alimentari. Gli studi infatti mostrano che, un po’ per colpa del modello industriale di agricoltura, un po’ perché i cibi vengono spesso lavorati e conservati a lungo, dagli anni ’50 ad oggi il contenuto di vitamine e minerali degli alimenti vegetali si è costantemente ridotto.

Non solo molti di noi mangiano male, dunque, ma anche i cibi salutari sono sempre più poveri. È vero che le malattie dovute a gravi carenze alimentari (scorbuto, pellagra, ecc.) qui da noi non esistono praticamente più, ma questo non significa che assumiamo una quantità ottimale di micronutrienti. Oltre alle carenze conclamate, infatti, esistono quelle che vengono chiamate carenze marginali: non così gravi da portare a malattie acute, ma sufficienti affinché l’organismo non funzioni al suo meglio. Nel tempo le carenze marginali di vitamine e minerali possono alterare il buon funzionamento di tutti gli organi e apparati, accelerando il processo di invecchiamento e favorendo le patologie croniche.

LA NOSTRA SOLUZIONE: Spirulina

Questa microalga vanta un lungo utilizzo come alimento, documentato già durante la civiltà azteca. Il suo impiego come integratore alimentare diventa famoso quando viene scelta dalla NASA per arricchire la dieta e promuovere la salute degli astronauti durante le missioni spaziali; anche l’Agenzia Spaziale Europea l’ha inserita nel progetto MELISSA per supportare le missioni di lunga durata, con il ruolo specifico di fornire agli astronauti proteine di elevata qualità e ossigeno al tempo stesso.

La spirulina è una ricchissima fonte di macro e micronutrienti. È famosa per l’elevato contenuto di proteine di elevato valore biologico.

Per quanto riguarda le vitamine, la spirulina contiene, in concentrazioni variabili, tutte quelle del gruppo B, in particolare è un’apprezzata fonte vegana di B12; contiene inoltre betacarotene, vitamine E, D, K e C.

La spirulina è inoltre fonte di molti minerali: in particolare potassio, fosforo, calcio, magnesio e ferro (in forma altamente biodisponibile), ma anche selenio, cromo, rame, magnesio, manganese, zinco. Lo iodio è presente in quantità ridotta, e il consumo di spirulina non pone rischi di superare il dosaggio raccomandato per questo oligoelemento.

Con un grammo di spirulina al giorno, DAILY FOOD NUTRIBILANCIATO apporta le sostanze utili per compensare le carenze tipiche dell’alimentazione moderna.

Nemico n. 2: Stress ossidativo

Lo stress ossidativo è una costante nella vita moderna. Questo meccanismo si attiva quando il carico di radicali liberi supera le possibilità del nostro organismo di gestirli, e porta a una graduale perdita di funzione di organi e tessuti colpiti. È infatti una delle ragioni fondamentali del perché invecchiamo, oltre che elemento chiave nello sviluppo di molte malattie croniche e degenerative. Contrastare lo stress ossidativo è dunque una parte essenziale del come restare in salute.

Il nostro organismo genera continuamente radicali liberi come sottoprodotto dei normali processi metabolici. E possiede gli strumenti per disattivarli: gli antiossidanti endogeni. Ma al giorno d’oggi gli stimoli esterni capaci di aumentare la produzione di radicali liberi sono così tanti che le nostre difese rischiano costantemente di essere sopraffatte.

Lasciando da parte abitudini palesemente dannose come il fumo (attenzione, nemmeno le sigarette elettroniche sono innocue), ecco alcuni fattori che generano stress ossidativo:

  • alimentazione ipercalorica, ricca di cibi processati e povera di vegetali
  • inquinamento, sia quello atmosferico che quello che ci raggiunge per via alimentare (pesticidi, erbicidi, diossine, PFAS, bisfenoli, microplastiche…) e persino l’inquinamento acustico
  • stress psicologico. Uno studio emblematico ha misurato i livelli di stress ossidativo in un campione di giovani madri, scoprendo che quelle che accudivano un figlio affetto da una malattia cronica, e quindi erano maggiormente sotto stress, avevano un’età biologica di addirittura dieci anni in più!
  • le persone sedentarie hanno livelli di stress ossidativo maggiori di chi pratica una regolare attività fisica. L’attività fisica infatti potenzia le difese antiossidanti dell’organismo.

LA NOSTRA SOLUZIONE: Melograno

melograno

Il colore rosso vivo dei frutti del melograno è dovuto all’elevato contenuto di polifenoli che lo rendono un potente antiossidante. Secondo una recentissima metanalisi di ben 33 studi clinici, l’assunzione di melograno aumenta la capacità antiossidante del plasma e riduce i marcatori di stress ossidativo e infiammazione.

Tra i numerosi studi preclinici, di particolare interesse sono quelli che hanno esaminato l’effetto del melograno in animali esposti a fumo di sigaretta, dal momento che questo è probabilmente il più paradigmatico tra i fattori pro-ossidanti. La somministrazione di succo di melograno ha ridotto l’incidenza di cancro al polmone ed enfisema polmonare, e ha esercitato un effetto protettivo nei confronti delle alterazioni cardiovascolari dovute al fumo.

DAILY FOOD NUTRIBILANCIATO contiene melograno titolato al 20% in acido ellagico, utile per contrastare lo stress ossidativo che caratterizza la vita moderna.

Nemico n. 3: Infiammazione intestinale

Come restare in salute senza un occhio di riguardo all’intestino? Già Ippocrate sosteneva, a ragione, che è da lì che originano tutte le malattie.

Quando parliamo di infiammazione intestinale non ci riferiamo solo ad una situazione conclamata come quella delle malattie infiammatorie intestinali – che, sebbene in aumento, restano comunque relativamente rare. Esiste anche, ed è ben più diffusa, un’infiammazione subclinica, che a volte può dare origine a disturbi come la sindrome dell’intestino irritabile, ma che può anche restare silenziosa. Inosservata, altera piano piano la mucosa intestinale, rendendola maggiormente permeabile a microrganismi e sostanze tossiche, che filtrano all’interno dell’organismo, mettendo in allarme il sistema immunitario. Ne consegue uno stato di infiammazione sistemica che può contribuire allo sviluppo di molte malattie.

Lo stile di vita moderno mette a dura prova il nostro apparato gastrointestinale. Pensiamo ancora una volta all’alimentazione: le fibre di frutta e verdura hanno il compito indispensabile di nutrire i batteri intestinali buoni, e quando scarseggiano (magari sostituite da zuccheri, grassi saturi e cibi ricchi di additivi) si crea una disbiosi intestinale che è l’anticamera dell’infiammazione. Ci sono poi i farmaci, molti dei quali alterano il microbiota intestinali. E anche lo stress psicologico crea infiammazione intestinale, come dimostrato dal fatto che nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali in fase di remissione gli eventi stressanti riattivano la patologia.

LA NOSTRA SOLUZIONE: Aloe vera

aloe vera

L’ Aloe vera contiene parecchie decine di composti bioattivi, tra cui vitamine idro- e liposolubili, minerali, enzimi, acidi organici, composti fenolici, carboidrati semplici e complessi. I polisaccaridi, in particolare, rappresentano oltre la metà della massa secca della polpa, e notevole è il contenuto di antiossidanti.

È proprio a questa complessa miscela, piuttosto che a specifici principi attivi, che vengono attribuite le azioni medicinali di questa pianta. In particolare la sua utilità nel trattamento dell’infiammazione intestinale è supportata da diversi studi.

In vitro l’Aloe ha dimostrato proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. È uno dei pochi agenti conosciuti per avere contemporaneamente proprietà citoprotettive e stabilizzanti dei mastociti, che la rendono particolarmente interessante in caso di manifestazioni da ipersensibilità alimentare [50], ma anche nella sindrome dell’intestino irritabile. I suoi polisaccaridi hanno azione prebiotica: riducono la concentrazione di potenziali patogeni (Escherichia-Shigella) e aumentano quella di batteri produttori di acidi grassi a catena corta, metaboliti fondamentali per il benessere intestinale poiché nutrono gli enterociti ed esercitano azione antinfiammatoria.

I polisaccaridi dell’Aloe vera hanno dato prova di attenuare i segni clinici della colite, ridurre i livelli di citochine proinfiammatorie e aumentare quelli di citochine antinfiammatorie, preservare la barriera intestinale, diminuire lo stress ossidativo e modulare positivamente il microbiota.

I benefici dell’Aloe vera sono stati confermati da diversi studi clinici, anche in caso di reflusso gastroesofageo e sindrome dell’intestino irritabile, migliorando la sintomatologia in tutti gli studi effettuati.

Il gel di Aloe vera contenuto in DAILY FOOD NUTRIBILANCIATO supporta la funzionalità dell’apparato gastrointestinale, minacciata dallo stile di vita moderno.

LA SOLUZIONE PENSATA DAI RICERCATORI NUTRALABS: DAILY FOOD NUTRIBILANCIATO a base di:

  • SPIRULINA: fonte completa di macro e micronutrienti, aiuta a colmare le carenze nutrizionali
  • MELOGRANO: formidabile antiossidante, contrasta lo stress ossidativo
  • ALOE VERA: dalle proprietà antinfiammatorie, protettive e prebiotiche, sfiamma e supporta l’intestino.

Non troverai questa combinazione in nessun altro integratore!

Daily benessere

DAILY FOOD NUTRIBILANCIATO, la buona abitudine quotidiana che ti aiuta a restare in salute. Vitalità, Serenità e Benessere!

DAILY FOOD NUTRIBILANCIATO è pensato per colmare le carenze dello stile di vita moderno, è quindi consigliata una sua regolare assunzione per lunghissimo tempo.

Bibliografia
1: Clemente-Suárez, V. J., Beltrán-Velasco, A. I., Redondo-Flórez, L., Martín-Rodríguez, A., & Tornero-Aguilera, J. F. (2023). Global Impacts of Western Diet and Its Effects on Metabolism and Health: A Narrative Review. Nutrients, 15(12), 2749.
2: Aureli, V., & Rossi, L. (2022). Nutrition knowledge as a driver of adherence to the mediterranean diet in italy. Frontiers in Nutrition, 9, 804865.
3: Okkio alla Salute, risultati 2019 https://www.salute.gov.it/imgs/C_17_notizie_5159_0_file.pdf
4: Davis, D. R., Epp, M. D., & Riordan, H. D. (2004). Changes in USDA food composition data for 43 garden crops, 1950 to 1999. Journal of the american College of nutrition, 23(6), 669-682.
5: Morris, C. E., & Sands, D. C. (2006). The breeder’s dilemma—yield or nutrition?. Nature biotechnology, 24(9), 1078-1080.
6: Lee, S. K., & Kader, A. A. (2000). Preharvest and postharvest factors influencing vitamin C content of horticultural crops. Postharvest biology and technology, 20(3), 207-220.
7: Blumenthal, J. M., Baltensperger, D. D., Cassman, K. G., Mason, S. C., & Pavlista, A. D. (2008). Importance and effect of nitrogen on crop quality and health. In Nitrogen in the Environment (pp. 51-70). Academic Press.
8: Valero, D., & Serrano, M. (2013). Growth and ripening stage at harvest modulates postharvest quality and bioactive compounds with antioxidant activity. Stewart Postharvest Rev, 3(5), 40.
9: Kasampalis, D. S., Tsouvaltzis, P., Ntouros, K., Gertsis, A., Gitas, I., Moshou, D., & Siomos, A. S. (2022). Nutritional composition changes in bell pepper as affected by the ripening stage of fruits at harvest or postharvest storage and assessed non‐destructively. Journal of the Science of Food and Agriculture, 102(1), 445-454.
10: Oghbaei, M., & Prakash, J. (2016). Effect of primary processing of cereals and legumes on its nutritional quality: A comprehensive review. Cogent Food & Agriculture, 2(1), 1136015.
11: Dietz JM and Erdman JW 1989. Effects of thermal processing upon vitamins and proteins in foods. Nutrition Today 24(4):6-15.
12: Soares, J. C., Santos, C. S., Carvalho, S. M., Pintado, M. M., & Vasconcelos, M. W. (2019). Preserving the nutritional quality of crop plants under a changing climate: importance and strategies. Plant and Soil, 443, 1-26.
13: Lal, R. (2009). Soil degradation as a reason for inadequate human nutrition. Food Security, 1, 45-57.
14: Fais, G., Manca, A., Bolognesi, F., Borselli, M., Concas, A., Busutti, M., … & Giannaccare, G. (2022). Wide range applications of spirulina: from earth to space missions. Marine Drugs, 20(5), 299.
15: Muys, M., Sui, Y., Schwaiger, B., Lesueur, C., Vandenheuvel, D., Vermeir, P., & Vlaeminck, S. E. (2019). High variability in nutritional value and safety of commercially available Chlorella and Spirulina biomass indicates the need for smart production strategies. Bioresource Technology, 275, 247-257.
16: Hoseini, S. M., Khosravi-Darani, K., & Mozafari, M. R. (2013). Nutritional and medical applications of spirulina microalgae. Mini reviews in medicinal chemistry, 13(8), 1231-1237.
17: Jung, F., Braune, S., Jung, C. H., Krüger-Genge, A., Waldeck, P., Petrick, I., & Küpper, J. H. (2022). Lipophilic and hydrophilic compounds from arthrospira platensis and its effects on tissue and blood cells—an overview. Life, 12(10), 1497.
18: Djedjibegovic, J., Marjanovic, A., Panieri, E., & Saso, L. (2020). Ellagic acid-derived urolithins as modulators of oxidative stress. Oxidative medicine and cellular longevity, 2020.
19: Dröge, W. (2002). Free radicals in the physiological control of cell function. Physiological reviews.
20: Valavanidis A, Vlachogianni T, Fiotakis K, Loridas S. Pulmonary oxidative stress, inflammation and cancer: respirable particulate matter, fibrous dusts and ozone as major causes of lung carcinogenesis through reactive oxygen species mechanisms. Int J Environ Res Public Health. 2013 Aug 27;10(9):3886-907.
21: Wilson, S. J., Miller, M. R., & Newby, D. E. (2018). Effects of diesel exhaust on cardiovascular function and oxidative stress. Antioxidants & redox signaling, 28(9), 819-836.
22: Fountoucidou, P., Veskoukis, A. S., Kerasioti, E., Docea, A. O., Taitzoglou, I. A., Liesivuori, J., … & Kouretas, D. (2019). A mixture of routinely encountered xenobiotics induces both redox adaptations and perturbations in blood and tissues of rats after a long-term low-dose exposure regimen: The time and dose issue. Toxicology Letters, 317, 24-44.
23: Münzel, T., Daiber, A., Steven, S., Tran, L. P., Ullmann, E., Kossmann, S., … & Kröller-Schön, S. (2017). Effects of noise on vascular function, oxidative stress, and inflammation: mechanistic insight from studies in mice. European heart journal, 38(37), 2838-2849.
24: Leo, E. E. M., Peñafiel, A. M., Escalante, V. M. H., & Araujo, Z. M. C. (2021). Ultra-processed diet, systemic oxidative stress, and breach of immunologic tolerance. Nutrition, 91, 111419.
25: Kandola, A., Ashdown-Franks, G., Hendrikse, J., Sabiston, C. M., & Stubbs, B. (2019). Physical activity and depression: Towards understanding the antidepressant mechanisms of physical activity. Neuroscience & Biobehavioral Reviews, 107, 525-539.
26: Xia, N., & Li, H. (2018). Loneliness, social isolation, and cardiovascular health. Antioxidants & redox signaling, 28(9), 837-851.
27: Bahari, H., Rafiei, H., Goudarzi, K., Omidian, K., Asbaghi, O., Kolbadi, K. S. H., … & Hosseini, A. (2023). The effects of pomegranate consumption on inflammatory and oxidative stress biomarkers in adults: a systematic review and meta-analysis. Inflammopharmacology, 31(5), 2283-2301.
28: Husari, A., Hashem, Y., Zaatari, G., & El Sabban, M. (2017). Pomegranate juice prevents the formation of lung nodules secondary to chronic cigarette smoke exposure in an animal model. Oxidative Medicine and Cellular Longevity, 2017.
29: Husari, A., Hashem, Y., Bitar, H., Dbaibo, G., Zaatari, G., & El Sabban, M. (2016). Antioxidant activity of pomegranate juice reduces emphysematous changes and injury secondary to cigarette smoke in an animal model and human alveolar cells. International journal of chronic obstructive pulmonary disease, 227-237.
30: Al Hariri, M., Zibara, K., Farhat, W., Hashem, Y., Soudani, N., Al Ibrahim, F., … & Kobeissy, F. (2016). Cigarette smoking-induced cardiac hypertrophy, vascular inflammation and injury are attenuated by antioxidant supplementation in an animal model. Frontiers in pharmacology, 7, 397.
31: De Munter, J., Pavlov, D., Gorlova, A., Sicker, M., Proshin, A., Kalueff, A. V., … & Schroeter, C. A. (2021). Increased oxidative stress in the prefrontal cortex as a shared feature of depressive-and PTSD-like syndromes: Effects of a standardized herbal antioxidant. Frontiers in nutrition, 8, 661455.
32: Tomás-Barberan, F. A., Espín, J. C., & García-Conesa, M. T. (2009). Bioavailability and metabolism of ellagic acid and ellagitannins. In Chemistry and biology of ellagitannins: an underestimated class of Bioactive plant polyphenols (pp. 273-297).
33: Mertens-Talcott, S. U., Jilma-Stohlawetz, P., Rios, J., Hingorani, L., & Derendorf, H. (2006). Absorption, metabolism, and antioxidant effects of pomegranate (Punica granatum L.) polyphenols after ingestion of a standardized extract in healthy human volunteers. Journal of agricultural and food chemistry, 54(23), 8956-8961.
34: Djedjibegovic, J., Marjanovic, A., Panieri, E., & Saso, L. (2020). Ellagic acid-derived urolithins as modulators of oxidative stress. Oxidative medicine and cellular longevity, 2020.
35: Ríos, J. L., Giner, R. M., Marín, M., & Recio, M. C. (2018). A pharmacological update of ellagic acid. Planta medica, 84(15), 1068-1093.
36. Sandys, O., & Te Velde, A. (2022). Raising the alarm: environmental factors in the onset and maintenance of chronic (low-grade) inflammation in the gastrointestinal tract. Digestive Diseases and Sciences, 67(9), 4355-4368.
37. Kaplan GG, Ng SC. Globalisation of inflammatory bowel disease: perspectives from the evolution of inflammatory bowel disease in the UK and China. Lancet Gastroenterol Hepatol. 2016 Dec;1(4):307-316.
38: Ng, Q. X., Soh, A. Y. S., Loke, W., Lim, D. Y., & Yeo, W. S. (2018). The role of inflammation in irritable bowel syndrome (IBS). Journal of inflammation research, 345-349.
39: Martel, J., Chang, S. H., Ko, Y. F., Hwang, T. L., Young, J. D., & Ojcius, D. M. (2022). Gut barrier disruption and chronic disease. Trends in Endocrinology & Metabolism, 33(4), 247-265.
40: Poullis, A., Foster, R., Shetty, A., Fagerhol, M. K., & Mendall, M. A. (2004). Bowel inflammation as measured by fecal calprotectin: a link between lifestyle factors and colorectal cancer risk. Cancer Epidemiology Biomarkers & Prevention, 13(2), 279-284.
41: Rohm, T. V., Fuchs, R., Müller, R. L., Keller, L., Baumann, Z., Bosch, A. J., … & Cavelti-Weder, C. (2021). Obesity in humans is characterized by gut inflammation as shown by pro-inflammatory intestinal macrophage accumulation. Frontiers in immunology, 12, 668654.
42: Sandys, O., & Te Velde, A. (2022). Raising the alarm: environmental factors in the onset and maintenance of chronic (low-grade) inflammation in the gastrointestinal tract. Digestive Diseases and Sciences, 67(9), 4355-4368.
43: Laudisi F, Stolfi C, Monteleone G. Impact of Food Additives on Gut Homeostasis. Nutrients. 2019 Oct;11(10):2334.
44: Gao, X., Cao, Q., Cheng, Y., Zhao, D., Wang, Z., Yang, H., … & Yang, Y. (2018). Chronic stress promotes colitis by disturbing the gut microbiota and triggering immune system response. Proceedings of the National Academy of Sciences, 115(13), E2960-E2969.
45: Gwee KA, Graham JC, McKendrick MW, Collins SM, Marshall JS, and Read NW. Psychological scores and persistence of irritable bowel after infectious diarrhea. Lancet 347: 150–153, 1996.
46: Mawdsley JE, Rampton DS. Psychological stress in IBD: new insights into pathogenic and therapeutic implications. Gut. 2005 Oct;54(10):1481-91.
47: Radha, M. H., & Laxmipriya, N. P. (2015). Evaluation of biological properties and clinical effectiveness of Aloe vera: A systematic review. Journal of traditional and complementary medicine, 5(1), 21-26.
48: Wan, P., Chen, H., Guo, Y., & Bai, A. P. (2014). Advances in treatment of ulcerative colitis with herbs: from bench to bedside. World Journal of Gastroenterology: WJG, 20(39), 14099.
49: Liu, C., Du, P., Cheng, Y., Guo, Y., Hu, B., Yao, W., … & Qian, H. (2021). Study on fecal fermentation characteristics of aloe polysaccharides in vitro and their predictive modeling. Carbohydrate polymers, 256, 117571.
50: Penissi, A., Rudolph, M., & Piezzi, R. (2003). Role of mast cells in gastrointestinal mucosal defense. Biocell, 27(2), 163-172.
51: Liu, C., Hu, B., Cheng, Y., Guo, Y., Yao, W., & Qian, H. (2021). In-depth analysis of the mechanisms of aloe polysaccharides on mitigating subacute colitis in mice via microbiota informatics. Carbohydrate polymers, 265, 118041.
52: Panahi, Y.; Khedmat, H.; Valizadegan, G.; Mohtashami, R.; Sahebkar, A. Efficacy and safety of Aloe vera syrup for the treatment of gastroesophageal reflux disease: A pilot randomized positive-controlled trial. J. Tradit. Chin. Med. 2015, 35, 632–636.
53: Ahluwalia, B., Magnusson, M. K., Böhn, L., Störsrud, S., Larsson, F., Öhman, L., & Simrén, M. (2021). Aloe barbadensis Mill. extract improves symptoms in IBS patients with diarrhoea: post hoc analysis of two randomized double-blind controlled studies. Therapeutic Advances in Gastroenterology, 14, 17562848211048133.
54: Davis, K.; Philpott, S.; Kumar, D.; Mendall, M. Randomised double-blind placebo-controlled trial of Aloe vera for irritable bowel syndrome. Int. J. Clin. Pract. 2006, 60, 1080–1086.
55: Hutchings, H.A.;Wareham, K.; Baxter, J.N.; Atherton, P.; Kingham, J.G.C.; Duane, P.; Thomas, L.; Thomas, M.; Ch’ng, C.L.; Williams, J.G. A randomised, cross-over, placebo-controlled study of aloe vera in patients with irritable bowel syndrome: Effects on patient quality of life. ISRN Gastroenterol. 2011, 2011.
56: Langmead, L., Feakins, R. M., Goldthorpe, S., Holt, H., Tsironi, E., De Silva, A., … & Rampton, D. S. (2004). Randomized, double‐blind, placebo‐controlled trial of oral aloe vera gel for active ulcerative colitis. Alimentary pharmacology & therapeutics, 19(7), 739-747.
57. Epel, E. S., Blackburn, E. H., Lin, J., Dhabhar, F. S., Adler, N. E., Morrow, J. D., & Cawthon, R. M. (2004). Accelerated telomere shortening in response to life stress. Proceedings of the National Academy of Sciences, 101(49), 17312-17315.
58: Aschbacher, K., O’Donovan, A., Wolkowitz, O. M., Dhabhar, F. S., Su, Y., & Epel, E. (2013). Good stress, bad stress and oxidative stress: insights from anticipatory cortisol reactivity. Psychoneuroendocrinology, 38(9), 1698-1708.

5 recensioni per DAILY FOOD NUTRIBILANCIATO

4,6
Basato su 5 recensioni
5 stelle
60
60%
4 stelle
40
40%
3 stelle
0%
2 stelle
0%
1 stella
0%
  1. Catia Scremin (Cliente)

  2. Anna (Cliente)

  3. Susanna (Cliente)

    Buon prodotto ,ma lo sto usando da poco….

  4. Severina (Cliente)

    Ottimo prodotto

  5. Valentina Martinelli (Cliente)

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Daily Food NutribilanciatoDAILY FOOD NUTRIBILANCIATO
Il prezzo originale era: 26,00 €.Il prezzo attuale è: 18,20 €.

Disponibilità: Disponibile

× INFO