IL JET LAG TI PREOCCUPA? ECCO COME FARE!

Durante o subito dopo le vacanze, molte persone si ritroveranno ad avere a che fare con il famoso jet lag.
Stanchezza, colpi di sonno improvvisi, mal di testa e malessere generale… ecco i sintomi più comuni dovuti ai cambiamenti d’orario tra il paese di partenza e quello di destinazione.
Vediamo qualche trucco per combattere questo “male del viaggiatore”

1 – MANTIENI UNA ROUTINE.
E’ buona norma iniziare ad abituarsi al fuso orario d’arrivo alcuni giorni prima di partire, adeguando poco per volta i propri orari a quelli della meta di destinazione.
Capita però, soprattutto a chi viaggia per lavoro, di dover partire solo per pochi giorni e di dover quindi ritornare ai ritmi di provenienza dopo pochissimo tempo. In tal caso, il consiglio è quello di non fare cambiamenti nei propri ritmi mantenendo quelli del luogo d’origine. Questo potrebbe voler dire pranzare alle 10 del mattino e andare a dormire alle 3 del pomeriggio… ma così facendo sarà più facile contrastare il jet lag.

2 – CONCEDITI UN PISOLINO.
Se avverti un forte bisogno di dormire, fallo senza troppi indugi. Un breve sonnellino può aiutare.
L’importante è non esagerare con la durata, per evitare lo stordimento che ne potrebbe derivare. Spesso 15-20 minuti sono sufficienti per sentirsi rigenerati .

3 – FAI UNA PASSEGGIATA ALL’APERTO.
Un moderato esercizio fisico, può rivelarsi un toccasana contro i sintomi del jet lag.
Sembra un paradosso, ma quando la stanchezza prende il sopravvento, può essere più utile uscire piuttosto che buttarsi a letto. Uscendo si è anche più esposti alla luce solare, e ci si abitua più facilmente al fuso orario locale.

4 – IMPARA A RISPETTARTI.
Uno scombinamento degli orari può rendere più nervosi ed irrascibili. Siate gentili nei vostri riguardi: è normale e legittimo essere stanchi. Continuare a ripetersi: “non ce la posso fare” o “perché non riesco a dormire??” , non farà che aumentare stress e frustrazione.
Accettare il fatto che è normale sentirsi un po’ sottosopra aiuterà a riprendersi più velocemente.

5 – RICORDATI DI BERE SPESSO.
Un corpo disidratato ha più difficoltà ad affrontare situazioni di stress come, appunto, il cambio di fuso orario, perché avverte i sintomi amplificati. Soprattutto dopo e durante un viaggio in aereo, è necessario bere molta acqua a causa del clima molto secco tipico del mezzo di trasporto. Allo stesso tempo è bene evitare o limitare al massimo il consumo di caffè e di alcolici, che possono interferire con l’adattamento al nuovo orario.

Seguici sui nostri SOCIAL!

Approfondimenti, offerte speciali, notizie dal mondo naturale e tanto altro!
Clicca su “MI PIACE” per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative!

Condividi Articolo

Leave a Reply