INTESTINO IRRITABILE, I RIMEDI NATURALI SCIENTIFICAMENTE PROVATI – PRIMA PARTE

Come orientarsi tra i tanti rimedi naturali disponibili per l’intestino irritabile? In questo articolo ne vediamo alcuni che sono stati studiati e validati dal punto di vista scientifico.

La sindrome dell’intestino irritabile fa parte di quei disturbi funzionali che dal punto di vista medico risultano spesso di difficile trattamento. Non è un problema così drammatico da richiedere una terapia di emergenza, e allo stesso tempo ha un andamento cronico e incide pesantemente sulla qualità di vita. Tutte queste caratteristiche rendono l’utilizzo di rimedi naturali particolarmente interessante per le persone che soffrono di questa sindrome.

Ma quali sono i rimedi naturali realmente efficaci per contrastare l’intestino irritabile?

In questo articolo ne vediamo alcuni la cui validità è stata confermata dal punto di vista scientifico.

Olio essenziale di Menta
intestino irritabile rimedi naturali menta

Tra i rimedi naturali per l’intestino irritabile, l’olio essenziale di menta è probabilmente quello che è stato oggetto del maggior numero di ricerche cliniche. Sono stati condotti parecchi studi in cui la sua efficacia è stata confrontata con quella del placebo, e i risultati sono concordi: l’olio essenziale di menta è in grado di ridurre il dolore addominale e migliorare la qualità di vita delle persone che soffrono di intestino irritabile. In uno di questi studi, per esempio, si è dimostrato efficace nei tre quarti dei soggetti che lo hanno assunto, riducendo la sintomatologia almeno della metà.

Come la maggior parte dei rimedi naturali, l’olio di menta non contiene un singolo principio attivo bensì molte sostanze che individualmente possono avere azioni anche diverse e che insieme lavorano in sinergia, dando al prodotto un profilo di proprietà molto ricco. Gli scienziati ritengono che la più importante di queste sostanze sia il mentolo, che ha un ben noto effetto spasmolitico, cioè è in grado di rilassare i muscoli involontari che avvolgono tutto il tubo digerente. Questo lo rende utile per combattere ovviamente il dolore, ma anche il gonfiore addominale, in quanto una delle componenti che generano gonfiore è un’alterata peristalsi. La menta inoltre favorisce la digestione, quindi si dimostra d’aiuto in caso di dispepsia, un sintomo che spesso accompagna l’intestino irritabile.

È importante assumere l’olio di menta in forma di capsule gastroresistenti, in modo che venga rilasciato non nello stomaco ma nell’intestino. A livello gastrico infatti potrebbe causare il rilassamento dello sfintere esofageo, cioè la valvola che regola il passaggio tra esofago e stomaco, provocando così reflusso e bruciore di stomaco. Altra accortezza è quella di non assumerlo alla sera perché potrebbe creare agitazione: bene al mattino o dopo pranzo.

Occorre infine sottolineare che, benché efficace, l’olio di menta è un rimedio sintomatico, cioè che affronta i sintomi dell’intestino irritabile ma non le sue cause. Gli studi infatti confermano che il miglioramento si mantiene solo finché dura la sua assunzione.

Probiotici

Come abbiamo discusso dettagliatamente in questo articolo, molte persone che soffrono di intestino irritabile presentano un microbiota intestinale alterato, e questo ha ovviamente una grande influenza sulla funzionalità dell’intestino. Di contro, apportare batteri buoni con l’utilizzo di probiotici può migliorare il benessere intestinale da diversi punti di vista: regolare l’evacuazione sia in caso di stitichezza che di diarrea, ridurre l’infiammazione, normalizzare la permeabilità intestinale, addirittura modificare la percezione del dolore.

I probiotici sono senza dubbio tra i più efficaci rimedi naturali per l’intestino irritabile, che (al contrario per esempio della menta) non ne alleviano solo i sintomi ma ne affrontano le cause. L’utilizzo di probiotici per il trattamento dell’intestino irritabile è stato oggetto di parecchi studi clinici. I risultati dipendono in parte dagli specifici ceppi utilizzati ma, integrando i dati disponibili, i ricercatori confermano che in linea generale i probiotici sono in grado di ridurre il dolore, sintomo cardine dell’intestino irritabile, e di migliorare la sintomatologia generale

Stai cercando un Probiotico di Alta Qualità contro l’Intestino Irritabile?
NutraLabs ti propone NATURAFLORA PLUS!

NATURAFLORA PLUS è il probiotico di nuova generazione con i ceppi di microrganismi ad oggi ritenuti più importanti per ripristinare e mantenere il benessere intestinale.
L’unico formulato e testato da un Naturopata con 20 anni di esperienza nell’integrazione per le problematiche intestinali! (chi è Milo Manfredini?)

Una sola capsula di NATURAFLORA PLUS contiene:

  • 4 miliardi di Saccharomyces boulardii
  • 2 miliardi di Lactobacillus plantarum
  • 2 miliardi di Bifidobacterium longum
  • 2 miliardi di Lactobacillus acidophilus
  • 2 miliardi di Lactobacillus rhamnosus

NATURAFLORA PLUS è davvero benefico per l’intestino, e questo effetto si ripercuote positivamente su tutto l’organismo!

Disponibile nel formato da 30 o da 60 capsule vegetali.
Completamente privo di lattosio e di glutine.

Cosa aspetti?
Puoi acquistare NATURAFLORA PLUS in tutte le farmacie, oppure nel nostro sito in esclusiva a un PREZZO ECCEZIONALE!

Fibre
intestino irritabile rimedi naturali fibre

Le fibre alimentari sono sostanze non digeribili né assorbibili dal nostro organismo, ma che invece vengono sfruttate come fonte nutritiva dal microbiota. Per questa ragione sono in grado di influenzare la composizione e l’attività dei batteri intestinali, e quali sostanze vengono rilasciate come prodotti del metabolismo batterico (effetto prebiotico). Inoltre le fibre aumentano la massa fecale, il che può stimolare la peristalsi e quindi essere d’aiuto per regolare il transito.

Esistono molte fibre differenti, con diverse caratteristiche di solubilità, viscosità, fermentabilità da parte dei batteri intestinali. Di conseguenza tipi diversi di fibre hanno effetti diversi sulla fisiologia intestinale. Revisionando un buon numero di studi sull’argomento, i ricercatori hanno concluso che in caso di intestino irritabile le fibre più utili sono quelle solubili (tipicamente lo psillio), che si sono dimostrate in grado di ridurre sia il dolore addominale che la sintomatologia in generale. Al contrario le fibre insolubili (tipicamente la crusca) non hanno mostrato la stessa efficacia.

Aloe vera
intestino irritabile rimedi naturali aloe

Tra i rimedi naturali per l’intestino irritabile figura anche l’Aloe vera. Studi in provetta e in animali da laboratorio hanno dimostrato che la polpa di questa pianta ha proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, è in grado di proteggere le cellule intestinali da danni di varia natura e previene l’attivazione dei mastociti, cellule immunitarie coinvolte nelle reazioni allergiche e infiammatorie. Inoltre i suoi polisaccaridi, che costituiscono oltre la metà della massa secca, esercitano un’azione prebiotica, riducendo la concentrazione di batteri potenzialmente dannosi come Escherichia coli, e stimolando la crescita dei benefici bifidobatteri e la produzione da parte del microbiota intestinale di acidi grassi a catena corta, sostanze che promuovono la salute dell’intestino ed esercitano un’azione antinfiammatoria.

Le proprietà antinfiammatorie dell’Aloe vera sono state confermate da un interessante studio clinico in cui è stata somministrata a pazienti con colite ulcerosa in fase attiva, migliorando sia la sintomatologia che l’infiammazione riscontrata nelle biopsie. In un altro studio ha ridotto i sintomi del reflusso gastroesofageo con la stessa efficacia dei farmaci omeprazolo e ranitidina.

Per quanto riguarda l’intestino irritabile il suo utilizzo è stato oggetto di un numero limitato di studi clinici, nella maggior parte dei quali l’Aloe vera ha migliorato la sintomatologia, specialmente nel caso di intestino irritabile con diarrea.

Importante assicurarsi che il prodotto utilizzato sia privo di antrachinoni (aloina e aloresina), che hanno un forte effetto lassativo: come quello che trovi nel nostro prodotto DAILY FOOD NUTRIBILANCIATO.

Curcuma
intestino irritabile rimedi naturali curcuma

Ultima, ma non meno importante, tra i rimedi naturali per l’intestino irritabile citiamo la curcuma. La curcuma è un ingrediente importante nella medicina Ayurvedica e nelle medicine tradizionali dell’Estremo Oriente. Le moderne ricerche scientifiche si sono concentrate specialmente su uno dei suoi principi attivi: la curcumina. Questa sostanza possiede proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, e gli studi suggeriscono una sua potenziale utilità nel trattamento di malattie molto diverse tra loro: dall’artrite alla depressione, dalla sindrome metabolica ai disturbi cognitivi. A livello gastrointestinale si pensa che possa normalizzare la permeabilità dell’intestino e combattere infezioni e infiammazioni.

A fronte di una notevole mole di studi in provetta e su animali, ad oggi solo due studi clinici hanno indagato gli effetti della curcuma sui disturbi gastrointestinali funzionali. Uno studio su pazienti con intestino irritabile ha evidenziato, rispetto a prima del trattamento, un miglioramento del dolore, del transito intestinale e in generale della sintomatologia. Un secondo studio ha coinvolto soggetti con sintomi quali cattiva digestione, reflusso, dolore addominale, diarrea, stitichezza, ma senza una diagnosi precisa di intestino irritabile; la curcuma ha ridotto la sintomatologia sia rispetto a prima del trattamento che rispetto al placebo.

Fonti scientifiche:

Grundmann, O., & Yoon, S. L. (2014). Complementary and alternative medicines in irritable bowel syndrome: an integrative view. World Journal of Gastroenterology: WJG20(2), 346.

Magge, S. S., & Wolf, J. L. (2013). Complementary and alternative medicine and mind–body therapies for treatment of irritable bowel syndrome in women. Women’s Health9(6), 557-567.

Dimidi, E., & Whelan, K. (2020). Food supplements and diet as treatment options in irritable bowel syndrome. Neurogastroenterology & Motility32(8), e13951.

Langmead, L., Feakins, R. M., Goldthorpe, S., Holt, H., Tsironi, E., De Silva, A., … & Rampton, D. S. (2004). Randomized, double‐blind, placebo‐controlled trial of oral aloe vera gel for active ulcerative colitis. Alimentary pharmacology & therapeutics, 19(7), 739-747.

Panahi, Y.; Khedmat, H.; Valizadegan, G.; Mohtashami, R.; Sahebkar, A. Efficacy and safety of Aloe vera syrup for the treatment of gastroesophageal reflux disease: A pilot randomized positive-controlled trial. J. Tradit. Chin. Med. 2015, 35, 632–636.

Ahluwalia, B., Magnusson, M. K., Böhn, L., Störsrud, S., Larsson, F., Öhman, L., & Simrén, M. (2021). Aloe barbadensis Mill. extract improves symptoms in IBS patients with diarrhoea: post hoc analysis of two randomized double-blind controlled studies. Therapeutic Advances in Gastroenterology14, 17562848211048133.

Davis, K., Philpott, S., Kumar, D., & Mendall, M. (2006). Randomised double‐blind placebo‐controlled trial of aloe vera for irritable bowel syndrome. International journal of clinical practice60(9), 1080-1086.

Lopresti, A. L., Smith, S. J., Rea, A., & Michel, S. (2021). Efficacy of a curcumin extract (Curcugen™) on gastrointestinal symptoms and intestinal microbiota in adults with self-reported digestive complaints: a randomised, double-blind, placebo-controlled study. BMC complementary medicine and therapies21, 1-17.

Bundy, R., Walker, A. F., Middleton, R. W., & Booth, J. (2004). Turmeric extract may improve irritable bowel syndrome symptomology in otherwise healthy adults: a pilot study. Journal of Alternative & Complementary Medicine10(6), 1015-1018.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora fallo leggere anche ai tuoi amici!
Condividilo sui social e metti un “mi piace” al nostro profilo!

Condividi Articolo